I Mercatini Consigliati

Mercatini di Natale di Arco

I Bellissimi Mercatini di Natale nel Centro Storico di Arco

0 534

Arco: la gioia del Natale giorno dopo giorno

I Mercatini di Natale di Arco sono alcuni tra i più famosi del Trentino Alto Adige.
La cittadina di Arco ospita ogni anno i Mercatini di Natale lungo le vie del centro storico nei giorni di Venerdì, Sabato e Domenica.

La gioia del Natale giorno dopo giorno

Dalla magia dell’Avvento ai sogni sul lago, dalle luci incantate ai racconti delle Feste, dalle melodie natalizie alle pietanze tipiche, palazzi storici accanto a paesaggi stupendi. Il Natale porta ad Arco gioia, stupore, divertimento e nuove emozionanti scoperte!
Souvenir natalizi come presepi, ma anche candele e prodotti naturali, pantofole in stile tirolese, maglioni d’alpaca, caldissime sciarpe, guanti e cappelli. Impossibile non trovare il regalo giusto: angeli in vetro soffiato, fiori in legno, centritavola, feltro artistico e lanterne d’arredamento.
Anche la gastronomia è protagonista con il brulè di mele o la merenda con caldarroste e “strauben”, o per regali golosi con i prodotti tipici, come formaggi, miele e confetture.
Per i più piccoli giocattoli in legno, giochi educativi e di società, oltre a iniziative dedicate come il Trenino di Natale per le vie del centro e le passeggiate a dorso del cammello Alì, che da qualche anno rallegra l’atmosfera del Mercatino.

  • Data di apertura
    14 novembre 2020
  • Data di chiusura
    6 gennaio 2021
  • Orari di apertura
    Dalle 10:00 alle 19:00
  • Dove
    Centro Storico

⛄ I consigli di McTinny

Prova la ricetta originale di Polenta Val di Ledro

Scegli il tuo appuntamento nei fine settimana:

  • Una visita guidata del centro
  • Incontro con i pony
  • Lo Zoo
  • Gli Asinelli da accarezzare
  • Weekend Bimbi con spettacoli e animazioni che lasceranno a bocca aperta grandi e piccini

Eventi del Mercatino di Natale di Arco

Calendario dell’Avvento

Il calendario dell’Avvento trasforma mura e pareti di antichi palazzi

La Fattoria degli Animali

Non sarebbe Natale se non ci fossero gli animali della fattoria. Protagonisti di ieri e protagonisti di oggi. All’ interno del Mercatino di Natale di Arco verrà adibita una piccola ma fornita fattoria dove grandi e piccini potranno ammirare da vicino i diversi animali. Asini, cavalli, galline, pecore e caprette e molto altro ancora. Un luogo caldo, che riporta ai tempi andati, agli antichi fasti in cui la stalla era il centro del ritrovo, dove ci si incontrava verso sera per fare il filò, quattro chiacchiere in allegria. Nella stalla, sdraiati sul fieno ci si raccontavano le avventure delle proprie giornate lavorative. La stalla, uno dei simboli del Natale, sarà elemento centrale del Mercatino natalizio di Arco, un luogo dove tutti potranno trovarsi, giocare con gli animali e fare quattro chiacchiere in amicizia.

Gli asinelli al Mercatino di Natale

Tornano gli asinelli al Mercatino di Natale di Arco che con tutte le loro cure e il loro amore verso i più piccoli sapranno regalare splendide emozioni. Passeggiate per i giardini di Arco a stretto contatto con uno degli animali più intelligenti e sociali, che nell’ uomo, grande o piccolo che sia, vede un amico fidato e inseparabile, un sostegno reciproco e una grande amicizia. Camminare in compagnia di un asino ci riporta ai sapori antichi, a paesaggi rurali e atmosfere d’altri tempi. Momenti intimi ed emozionanti dell’atmosfera natalizia, dove ci si riunisce con le proprie famiglie, dove ci si trova per stare insieme, per unirsi e stare vicini. L’asino è un’animale speciale che ha molto da insegnare alle nostre vite frenetiche. L’asino più di ogni altro animale sa ascolta i propri ritmi interni. Si ascolta e riconosce il modo sicuro con cui procedere nell’ambiente che lo circonda. Ha un ritmo lento che riporta l’uomo al contatto con se stesso, con i propri pensieri e con le emozioni più intime. Passeggiare con gli asini aiuterà grandi e piccini a vivere un momento intimo e speciale che non si dimenticherà facilmente. Il tutto contornato dalla magia del Natale e dai suoni, dalle luci e dai colori del nostro Mercatino natalizio.

Il Bosco Trenino

In collaborazione con l’ufficio Foreste e Fauna della Provincia di Trento, un percorso espositivo che illustra e spiega lo sviluppo del bosco Trentino, la sua vita e le peculiarità del legno. Per il secondo anno consecutivo all’interno del Mercatino di Natale di Arco si verrà a creare uno spazio didattico e divertente di libero accesso a bambini e famiglie dove verrà illustrato e mostrato il bosco del Trentino. Un bosco ricco di varietà faunistiche e floreali che convive con l’uomo in uno stretto rapporto sinergico. Fonte di energia, di vita e di protezione, il bosco è la seconda casa dei trentini che lo rispettano e lo curano senza mai sfruttarlo più del necessario. Il bosco ha sempre fatto parte della vita degli abitanti della regione ed entra a far parte della loro quotidianità.
Ci sono le foreste della Comunità di Fiemme, la foresta dei violini di Paneveggio, il vecchio e nuovo bosco della Fiamena, la faggeta della Busa del formai, la foresta vergine del Ludrin, il lariceto di Clef e Maresse, le mughete del Pasubio e tanti altri boschi ancora. Il Trentino è una terra coperta per il 60% da foreste, con una varietà di boschi sorprendente. Ogni territorio ha il suo specifico bosco, con una sua particolare flora e fauna che vivono e si completano con le attività dell’uomo e degli altri boschi limitrofi.  Varietà e poliedricità, differenze dovute a una continua diversità di ambienti con un’incredibile variabilità di climi. Da quello più mediterraneo del Garda Trentino a quello più severo dei ghiacciai perenni. Tutto ciò ha portato a una ricchezza biologica e naturalistica di grande valenza paesaggistica. In questo spazio si entrerà a contatto con tutta la diversità delle foreste del Trentino, di buona parte dei suoi boschi e della loro vita passo a passo vicina a quella dell’uomo

Il trenino di Natale

Ciuf ciuf! Viaggia la locomotiva con tutti i suoi vagoni, con mille colori e suoni e magia. Il viaggio in trenino per bambini e famiglie vi porterà a stretto contatto con l’atmosfera del Natale. Vi immergerete nei profumi e nelle meraviglie delle casette del Mercatino di Natale. Attraverserete le strade più pittoresche e potrete ammirare da vicino l’architettura di una delle città più belle del Garda Trentino. Arco, arroccata ai piedi della grande rupe su cui si stagli altissimo il suo castello saprà accogliervi a braccia aperte, dandovi se stessa, la sua storia e la sua tradizione. Lasciatevi trasportare dai vagoni della spensieratezza e godetevi un interessantissimo viaggio immersi nella magia del Natale, nella natura e nella cultura.

Natale di Luci

Natale è colore, è atmosfera, è magia luminosa. Al Mercatino di Natale di Arco le illuminazioni natalizie saranno le protagoniste assieme a voi. Un’attenta e variegata selezione di luminarie vi allieterà lo sguardo mentre passeggerete tra le casette natalizie immersi in un’atmosfera accogliente e fraterna tipica del Natale. Sulle pareti dei palazzi storici del centro storico di Arco verranno proiettati numerosi effetti di luce. Dalle nevicate luminose di grandi fiocchi di neve al calendario dell’Avvento. Frasi e pensieri natalizi, anch’essi di origine luminosa completeranno la straordinaria scenografia e daranno al vostro soggiorno una marcia in più. Vi sentirete immersi nel Natale. Suoni, luci e colori, profumi, gusti e aromi. Natale ai Mercatini di Arco è vivere un attimo di gioia eterno immersi in un ambiente scenograficamente pertinente alle emozioni natalizie

Spettacoli di Strada

Magia. Il Mercatino di Natale di Arco è pura magia. Uno spettacolo per gli occhi che s’insinua nell’animo e che viaggia nelle strade del centro abitato. Tra bancarelle e casette, tra negozi e locali, tra luci e colori troverete quasi a sorpresa piccoli spettacoli itineranti. Danze, luci, colori. Un insieme di emozionanti intrattenimenti rivolti a grandi e piccini che incarnano lo spirito del Natale e che vi faranno vivere emozioni uniche. Passatempi leggeri per un momento di eterno relax, sorseggiando una bevanda calda e gustando un prelibato dolce della tradizione trentina.

Tradizione e cultura

In questo termine che fonda le sue radici in tempi remoti e che presumibilmente deriva da filare, cioè dal lavoro particolare che le donne andavano a fare d’inverno nelle stalle, si nasconde l’essenza del fare comunità dello stare insieme in armonia. Come vuole lo spirito del Natale. Nel corso dei secoli fare filò è finito per indicare gli incontri serali di varie persone nelle stalle, sia di montagna che di pianura, specialmente durante la stagione più fredda. Fare filò era stare al caldo, passare il tempo insieme, sentire le ultime novità del paese o dei dintorni. Fare filò era fare piccoli lavori a mano, cantare, parlare e sparlare.
Il momento topico per il filò è quello dopo la cena, dopo le fatiche del giorno, le sudate nelle campagne, nelle stalle, dopo una giornata di intenso lavoro, quando i bambini sono stati messi a letto e si ha ancora la voglia di rilassarsi tra amici e familiari. Uomini e donne riuniti insieme al caldo della stalla. Le donne filavano la lana, intrecciavano e disfacevano le matasse, mentre gli uomini sistemavano gli attrezzi da lavoro mentre il più colto leggeva qualche pagina di un libro famoso o raccontava storie.

Mercatini di Natale nei dintorni di Arco

Un’atmosfera sospesa nel tempo in due dei Borghi trentini più belli d’Italia, tra case rurali addossate le une alle altre, collegate da portici, androni, corti interne e antichi vòlti.

A Canale di Tenno il profumo di carne salada e fasoi nell’antica “hostaria” si diffonde tra le bancarelle del mercatino dell’artigianato e dei prodotti tipici, mentre i bambini si immergono nell’atmosfera fatata delle animazioni tra i vicoli.

Oltre al mercatino di Natale, il presepe vivente nel borgo accompagnato da zampogne. Canti natalizi si snodano fra le tortuose stradine di Canale, rendendo magiche la notte della Vigilia e la giornata di Santo Stefano.

A Rango nel Bleggio, piccolo borgo contadino scolpito nella montagna, si scoprono bancarelle colme di prelibatezze enogastronomiche e di artigianato locale, in una cornice di musica e festa. Il 18 dicembre Rango si trasforma magicamente in un paese dei balocchi, fra giullari, cantori, giocolieri e racconti d’altri tempi.

Un simpatico video dei Mercatini di Natale di Arco

https://youtu.be/14zi7hJ2u8Q
Booking.com

Scopri cosa fare in Trentino Alto Adige

Il FORMAGGIO
Semplicità ed essenzialità sono le basi che servono e che sono servite nel corso dei secoli a fare il formaggio, uno degli alimenti più nutrienti e gustosi della tradizione trentina, fatta di alpeggi e caseifici sparsi in tutte le sue valli. Fare il formaggio non era solo un vezzo, ma una vera e propria necessità alimentare. Un modo per conservare il latte, trasformandolo e integrandolo nella quotidiano dieta alimentare. Una dieta spesso povera, fatta di beni di prima necessità e non variegata e ricca come quella che oggi facilmente troviamo sulle nostre tavole. Fare il Il formaggio serviva ad assicurarsi un buon approvvigionamento nutritivo per il periodo invernale. Il formaggio di malga ha una pasta di colore più o meno giallo e i suoi profumi e sapori sono fortemente influenzati dalla composizione botanica dei pascoli e dalla flora locale. Una flora che in Trentino cresce rigogliosa e variegata e che dà a ogni formaggio il suo caratteristico aroma. Nelle malghe trentine si producono diversi formaggi che variano a seconda della vallata, anche se spesso portano lo stesso nome, ma con caratteristiche diverse in relazione al luogo e alla mano del casaro che lo forma. I formaggi trentini sono lo specchio più vero e autentico delle diversità uniche e originali delle vallate del nostro territorio. In ogni morso si può percepire il gusto di una tradizione che seppure a grandi linee omogenea, nasconde piccole diversità espresse nella varietà di prodotti caseari nostrani.

POLENTA VAL DI LEDRO
La Valle di Ledro è ricca di prodotti tipici che ogni giorno vengono curati con passione dai nostri agricoltori ed artigiani. Tra di questi spicca la famosa polenta di patate a cui fanno seguito numerose peculiarità frutto della tradizione locale. Dal conosciuto Picco Rosso, liquore superalcolico aromatizzato alla fragola, ai formaggi, dalle locali patate viola alla carne, al pesce di lago e di torrente, fino ai frutti e al miele. Recentemente si è fatta strada anche la birra prodotta con pura e fresca acqua di fonte.

Ricetta polenta
Ingredienti: – 5 kg di patate (possibilmente non fresche) – 4 hg di farina (metà bianca e metà di grano saraceno) – sale – pepe – olio
Preparazione:
Pelare le patate e metterle a cuocere nel paiolo di rame coperte d’acqua. Nel frattempo preparare gli altri ingredienti.
In un piatto mescolare bene i due tipi di farina, il sale ed il pepe. Scolare le patate quando sono cotte e schiacciarle fino a rendere l’impasto omogeneo. Aggiungere la farina, continuando a mescolare bene, fino a che si forma una crosta attorno al paiolo e versare la polenta sul tagliere. Variazione: se si desidera aggiungere all’impasto salame o pezzetti di formaggio.

FARINA DI STORO
La farina gialla di Storo rappresenta uno dei prodotti classici della tradizione trentina. Una tradizione culinaria solida che si è trasmessa nei secoli e che ancora oggi è immancabile sulle tavole delle famiglie trentine. Con la farina di Storo che viene prodotta dalla macinatura del mais dell’omonima cittadina valligiana e che ancora oggi è coltivato nel rispetto dei cicli della natura, si prepara la tipica polenta dall’inconfondibile gusto e sapore. La produzione di questa farina è molto particolare e nel corso degli anni il processo di produzione non è mai cambiato.

Leggi anche

Booking.com
Commenti
Caricamento....

I Mercatini Consigliati